Blog: http://VogliocheilPdsiailpartitodelfuturo.ilcannocchiale.it

Proverà a resistere in tutti i modi

Si discute in questi giorni sulla possibilità di un baratto : l'uscita di scena di B. in cambio di un salvacondotto risolutivo, ovvero una soluzione definitiva per la salvezza che dovrebbe prescindere dal suo ruolo di premier.

«Decida lui un successore, qualcuno di cui si fida, faccia un passo indietro e noi cerchiamo e votiamo una soluzione per i suoi processi» dicono alcuni. Altri sottolineano la delicatezza del momento auspicando una exit strategy ragionevole : «Questo è un Paese crudele, che per mondarsi delle proprie colpe, una volta che Berlusconi è caduto, è capace di accusarlo di nefandezze inaudite. Certo, si può ragionare su una uscita senza vendette, ma dopo che lui abbia abbandonato il campo. Senza equivoci».  Altri ancora si allargano in analisi più complesse e considerano che non sia possibile uscire da questo presente  «senza concedere a Berlusconi l’onore delle armi e senza coinvolgerlo direttamente nella transizione al suo stesso sistema di potere », si potrebbe ventilare ad esempio un salvacondotto speciale : « un adeguato compimento della sua eccezionale parabola politica arrivando a essere eletto al Quirinale».

Insomma, le opzioni sono varie. Escludendo l'ultima, che pare impraticabile per semplici motivi di decenza, rimane il problema generale : quale potrebbe essere la soluzione per consentire a B. di fare un passo indietro senza dover subire pseudo-vendette di tipo politico o strascichi giudiziari imbarazzanti ?

Per quanto riguarda i processi che coinvolgono B. , in fin dei conti per metterli in quarantena o per eliminarli basterebbe ripristinare la vecchia immunità parlamentare così come era in vigore prima di Tangentopoli, si tratterebbe di un provvedimento impopolare ma potrebbe essere utile per stemperare quella conflittualità che è aperta sul fronte della giustizia. Se ne parla da mesi ma evidentemente B. non considera la vecchia immunità parlamentare sufficiente per garantirgli l’impunità. Perché ? Perché in primo luogo le maggioranze parlamentari possono cambiare, anche le situazioni possono cambiare e la vecchia immunità parlamentare potrebbe essere utile per cloroformizzare i processi in corso ma potrebbe non servire per quello che cova sotto la cenere : intercettazioni compromettenti, scandaletti vari ma soprattutto le dichiarazioni di Ciancimino jr. e Spatuzza.

Perché il problema che ha determinato la sua discesa in campo è più che mai vivo anche adesso, aveva detto  : «mi accuseranno di essere mafioso» e poi aveva aggiunto : «mi faranno di tutto, andranno a frugare tutte le carte, diranno che sono un mafioso». 

Lo confermerà anni dopo anche il fedele Fedele : «La verità è che se Silvio Berlusconi non fosse entrato in politica, se non avesse fondato Forza Italia, noi oggi saremmo sotto un ponte o in galera con l'accusa di mafia».

Coincidenza vuole che quelle accuse siano ormai sempre più stringenti e pericolose.

B. sapeva di essere nel mirino già diversi anni prima della discesa in campo ma Craxi offriva una protezione adeguata. Le cose cambiano dopo Tangentopoli e B. deve entrare di persona in politica per parare i colpi e ancora sta cercando di pararli. 

Pare che B. abbia detto : «Se mi dimetto, poi non torno più a Palazzo Chigi».  B. sa bene che finché resterà a Palazzo Chigi e finché avrà la titolarità di 10 milioni di voti, nessuna Procura oserà l'inimmaginabile ma se si dimettesse e se il peso elettorale dovesse ridimensionarsi significativamente allora niente sarebbe più come prima. Proverà a resistere in tutti i modi, non sta difendendo solo se stesso, sta difendendo il suo impero dall' ignominia.

Pubblicato il 14/11/2010 alle 13.39 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web